Logo adSalsa

ecommerce nielsenL’e-commerce, più che futuro, è già realtà per molte aziende in tutto il mondo. Ma per altre società, soprattutto per le più piccole, la vendita online rappresenta ancora uno spazio da esplorare, che richiede nuovi investimenti e risorse.

Per aiutare ad entrare senza difficoltà nel mercato online, l’agenzia Nielsen, a margine dello studio Strategies for e-commerce success: the future of grocery – E-commerce, digital technology and changing shopping preferences around the world dello scorso aprile, ha stilato una lista degli aspetti da tenere in considerazione prima di aprire un e-commerce.

1. Essere credibili e superare le aspettative

Buona parte dei consumatori ha ancora molti dubbi rispetto allo shopping online, quindi è fondamentale superare sempre le aspettative. Per rassicurare e fidelizzare il cliente, è consigliabile quindi offrire programmi di garanzia della qualità, rimborsando i prodotti danneggiati durante il trasporto o che non soddisfano le aspettative. Gli acquisti devono essere consegnati entro il periodo di tempo specificato e i consumatori devono essere avvisati immediatamente se il loro ordine non può essere portato a termine come previsto.

2. Semplificare

La funzionalità e la facilità d’uso dovrebbero rappresentare le priorità per l’ecommerce, con un servizio di assistenza online sempre disponibile e un processo di checkout semplice e sicuro. Se i clienti incorrono in tempi di caricamento lenti o in pagine non totalmente chiare o difficili da usare, potrebbero infatti abbandonare i loro carrelli della spesa digitali prima dell’acquisto.

3. Conoscere il mercato

Il target di riferimento, i costi operativi, i competitor e le preferenze dei clienti variano notevolmente a seconda del tipo di mercato in cui si sceglie di inserirsi. Non c’è una regola generale per tutti per cui è fondamentale studiare bene il proprio ambiente di riferimento e adattarsi.

4. Specializzarsi

Accontentarsi di un piccolo pezzo di mercato, soprattutto nell’ecommerce, può essere più proficuo che puntare ad offrire tutto. Ad esempio si può prendere in considerazione un modello di offerta limitata, concentrandosi su un segmento commerciale specifico, come prodotti per bambini o articoli per la cura personale.

5. Provare approcci alternativi

Sperimentare nuovi modelli di vendita può aiutare a aumentare le dimensioni del carrello e il numero di vendite. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione approcci alternativi alla distribuzione per ridurre il costi della consegna a domicilio o sperimentare nuove collaborazioni con altri siti di e-commerce.