Come gestire tre tipi di utenti inattivi

Lead Generation

Quanto conviene investire sugli utenti inattivi?

Trovare una strategia per gestire i tuoi abbonati e-mail inattivi è una delle cose più importanti, ma al tempo stesso più difficili da fare. Strategie mirate, finalizzate a recuperare queste leads e renderle utili nel tuo database, può permetterti di trovare tantissimi clienti potenziali. In questo articolo ci stiamo rivolgendo principalmente alle aziende che hanno creato il proprio database e che lo gestiscono autonomamente, ma può dare spunti anche per agenzie di marketing che sviluppano lead generation.

La domanda non è se gli abbonati inattivi creino valore. Come gruppo, lo creano certamente. Ma le domande da porsi devono inserirsi all’interno di questo gruppo e comprendere le differenze fra gli stessi inattivi, in modo da valorizzarli nel modo giusto

Quali utenti inattivi sono i più preziosi e meno rischiosi per l’azienda?
E al contrario, quali sono i più rischiosi e meno preziosi per il business?
A che punto i rischi di consegna associati agli abbonati inattivi superano il valore che generano?
Per rispondere a queste domande, dobbiamo esaminare il tipo di abbonato inattivo e il contesto del tuo marchio. Esploriamo tutto questo.

Che cos’è un abbonato inattivo?

Un abbonato inattivo è qualcuno nella tua lista che non ha interagito con nessuna delle tue e-mail dopo un determinato periodo di tempo. Il coinvolgimento è solitamente definito da un’apertura o da un clic, ma può dipendere dal tuo particolare programma di email marketing. Un’altra cosa da valutare è capire qual è il periodo di tempo migliore dopo il mancato coinvolgimento prima di rendere inattivo un abbonato.

Vanno distinti tre tipi di utenti inattivi:

1. Utenti mai attivi:

Si tratta di utenti che non hanno mai interagito con le tue mail da quando si sono iscritti.
Questo può essere dovuto a un’iscrizione incosapevole/per errore, attraverso una seconda-terza e-mail poco utilizzata o attraverso dei bot o dei malware.
I rischi associati a questo tipo di utenti inattivi è alto, siccome il potenziale di rendimento è basso. L’ideale sarebbe, quando non si usano processi opt-in, usare il sign-up via mail per confermare l’iscrizione. Nel caso in cui per una durata di sei mesi non vengano realizzati clicks, il consiglio è quello di inviare una mail che verifichi l’interesse dell’utente nel continuare a ricevere comunicazioni e in caso negativo, cancellare tali contatti. A volte gli utenti “mai attivi” sono su uno specifico dominio email, per esempio gmail. Il motivo potrebbe essere che gmail stessa inserisce le tue e-mail automaticamente nella cartella spam e quindi molti utenti non le leggono. In quel caso, una soluzione possibile può essere direttamente il contatto diretto con il gestore del dominio.

2. Utenti e clienti inattivi:

Utenti che hanno smesso di interagire alle tue mail e di effettuare acquisti. Sicuramente, si tratta di utenti inattivi più facili da recuperare, in quanto hanno dimostrato interesse nei confronti della tua attività in passato. Per questa ragione, conviene provare a investire su di loro per tentare di riattivarli. A seconda di quante mail invio, il tempo per cui valutare se i tuoi utenti sono attivi o meno può essere più o meno lungo. Di norma, 6 mesi sono l’indicazione per definire il passaggio di un utente dalla fascia degli attivi a quella degli inattivi, ma può essere un intervallo di tempo più ampio o più corto a seconda della situazione. Successivamente a questa tempistica predefinita, bisogna provare a inviare delle mail di re-engagement che possano stimolare l’utente a riattivarsi. Se neanche tali e-mail funzionano, si ritorna all’ultimatum già descritto per quanto riguarda gli utenti mai attivi: viene chiesto se si vuole continuare a ricevere e-mail e in caso negativo non viene più contattato o cancellato.

3. Utenti inattivi, clienti attivi:

Sono utenti che non interagiscono con le e-mail, ma che continuano a comprare sul tuo sito. Il loro valore potenziale è molto alto e non bisogna lasciarseli scappare, anche se rimanessero inattivi per anni. Riattivarli attraverso newsletter particolarmente interessanti o sconti esclusivi,  può essere una soluzione al problema.

Come gestire gli utenti inattivi

Per la gestione degli inattivi, non c’è una regola o risposta vincente per ogni situazione.  Innanzitutto bisogna capire quanto tempo o risorse investire per il loro recupero. Questo può dipendere dal tipo di marchio, dal database utilizzato e da che tipo di azienda siete, da quanto tempo siete in grado di spendere per lavorare sul vostro database di utenti inattivi. da che tipo di email inviate, da qual è il tasso di risposta anche degli attivi. Questi dati servono a quantificare il livello di rischio che si corre nell’investire risorse per recuperare gli inattivi. Una volta che si ha un’idea più precisa di quelle che sarebbero le possibilità dell’azienda, va realizzata una strategia, in cui è fondamentale non trattare tutti gli utenti inattivi “allo stesso modo”, ma di suddividerli perlomeno come abbiamo visto sopra. Ogni ulteriore suddivisione possibile, che serva a restringere il target, può essere utilissima per il nostro scopo. Ovviamente, si tratta di un compito che ha bisogno di tempo e lavoro per essere realizzato al meglio, quindi proprio per questo l’analisi iniziale è fondamentale per capire se dedicarglielo. Gli inattivi potrebbero così diventare un grande aiuto e una risorsa per la tua strategia di marketing.

Articolo estratto da Litmus

utenti inattivi

Modo Oscuro

¡No puedes irte aun!

Mira lo que tenemos para ti:

Qui c’è un altro articolo che ti può interessare!

You can’t leave yet!

Check what we have for you:

Share via
Copy link
Powered by Social Snap

La tua privacy è importante per noi.

Utilizziamo cookies nostri e di terze parti per fini differenti quali: registrazione della propria attività nel presente sito web, poter gestire tecnicamente il tuo accesso e l'utilizzo del sito web, ottimizzare e migliorare i nostri servizi, mostrare pubblicità relazionata alle tue preferenze attraverso l'analisi delle tue abitudini di navigazione. Maggiori informazioni sui cookies si trovano nella Cookie Policy.

Cookie Settings